Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

"Una nuova casa per la Cri". Nel 2018 sede in stazione?

Lentamente, ma il progetto di trasferimento della sede della Croce Rossa nella stazione ferroviaria di Serravalle Scrivia va avanti. Il 2018 sembrerebbe proprio essere l'anno definitivo, ma i tempi certi ancora non si conoscono. Nell'attesa, è stato organizzato il primo evento di "Una nuova casa per la Cri"
SERRAVALLE SCRIVIA - Lentamente, ma il progetto di trasferimento della sede della Croce Rossa nella stazione ferroviaria di Serravalle Scrivia va avanti. Il 2018 sembrerebbe proprio essere l'anno definitivo, ma i tempi certi ancora non si conoscono. Al momento, è tutta una questione di progetti: quello presentato dal compartimento Rfi di Genova, che si occuperà di stanziare la cifra per la ristrutturazione dei locali, deve passare al vaglio dei tecnici comunali e della Cri.

"È un progetto a cui si sta interessando anche il commissario di governo per il Terzo Valico - conferma Alberto Carbone, sindaco di Serravalle - Il trasferimento si concretizzerà nell'anno nuovo".

"Stiamo valutando anche noi il progetto - sottolinea Antonio Pavoli, presidente della Cri serravallese - Nel frattempo, stiamo preparando una serie di iniziative per raccogliere fondi e allestire la nuova sede". “Una nuova casa per la Cri” è il nome scelto per racchiudere tutte le manifestazioni che verranno programmate nei prossimi mesi; la prima ci sarà domenica 12 novembre. Il centro pastorale Maria Regina di Ca' del Sole ospiterà infatti la serata organizzata dalla Croce Rossa di Serravalle e dall'associazione Amici di Luca, sorta in memoria di Luca Cuffari, volontario scomparso nel 2003.

Dalle ore 20.00 ci sarà l'aperitivo a buffet, mentre alle 21.15 inizierà l'intrattenimento musicale con la tribute band “CelentaRock” con i più bei brani di Adriano Celentano. Alle 22.30 ci sarà lo spettacolo pirotecnico e poi ancora musica. Il costo dell'ingresso è di 12 euro.

Ritornando alla stazione e alla nuova sede, "le intenzioni sono quelle di creare l'ingresso con i locali in cui poter operare - spiega Pavoli - la sala d'aspetto, il salone per le riunioni e un ambulatorio medico. Oltre alle visite di routine e a quelle organizzate dal patronato, vorremmo mettere a disposizione medico e sala per le fasce più deboli, per far sì che anche le persone bisognose possano essere visitate e curate".
12/11/2017
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!
Verso la focaccia dei record
Verso la focaccia dei record
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno