Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lo scaffale

Umberto Boccioni Arte - Vita

Un testo ricco di spunti e riferimenti storiografici che ristabilisce i corretti riferimenti della morte, avvenuta a Chievo all’età di 33 anni dovuta a una caduta da cavallo, dettaglia la distruzione dolosa di gran pare delle sue sculture, analizza gli aspetti della sua complessa personalità e i rapporti conflittuali con gli altri artisti, la madre e le amanti
LO SCAFFALE - Umberto Boccioni Arte - Vita di Roberto Floreani - BibliotecaElecta 2017 Mondadori Electa s.p.a. Milano.

Roberto Floreani (Venezia, 1956) laureatosi a Padova nel 1980 è un pittore, scrittore, e performer. Dai primi anni ’80 a oggi ha tenuto quasi settanta personali, fino a rappresentare l’Italia alla 53° edizione della Biennale di Venezia, nel 2009. Negli ultimi vent’anni ha realizzato diciotto progetti per strutture museali in Italia e all’estero – ultimo dei quali “Ricordare Boccioni” presso i Musei Civici di Padova nel 2016. Confermatosi come uno degli artisti di riferimento della sua generazione, è, da oltre quarant’anni, un appassionato di Futurismo. Collabora con Università e Accademie ed è autore di numerosi saggi tematici fra cui “I Futuristi e la Grande guerra” finalista al Premio Acqui Storia 2015. Organizzatore di eventi espositivi, è meritorio ricordare la prima indagine sui Gruppi Futuristi (Boccioni e Savarè) nel 1999 mentre nel 2009 fu curatore di un’ampia ricognizione sulla scultura, omaggio a Mino Rosso. Da oltre quindici anni realizza “serata futuriste” e reading nei principali teatri di tutta Italia. Vive e lavora tra Vicenza e Padova.

Dotato di un’intelligenza fulminea, Boccioni fu l’assoluto protagonista delle arti all’interno del Futurismo, movimento essenzialmente rivoluzionario, il cui programma, pubblicato a Parigi sul “Figaro” nel 1909, rompe i ponti con le vecchie forme, combatte il quietismo borghese, propone di esprimere con immediatezza ed impeto di sensazioni la civiltà delle macchine, della guerra, dell’imperialismo e il dinamismo dell’uomo “moderno”.

A seguito del lancio dei Manifesti teorici relativi alla pittura, alla scultura e all’architettura, Boccioni si eleva pertanto a figura “catalizzante” e coscienza delle potenzialità multidisciplinari, autentica novità della prima avanguardia del Novecento e che tanta influenza ha avuto su artisti quali Andy Warhol, Lucio Fontana, Carmelo Bene, Mario Schifano e i protagonisti dell’Arte Povera, elaborando le ragioni di un nuovo modo di concepire l’arte facendo coincidere la natura dell’uomo con la sua espressione artistica.
Umberto Boccioni Arte – Vita, omaggio dell’Artista Roberto Floreani all’Artista nato a Reggio Calabria nel 1882, è un testo ricco di spunti e riferimenti storiografici che ristabilisce i corretti riferimenti della morte, avvenuta a Chievo all’età di 33 anni dovuta a una caduta da cavallo, dettaglia la distruzione dolosa di gran pare delle sue sculture, analizza gli aspetti della sua complessa personalità e i rapporti conflittuali con gli altri artisti, la madre e le amanti.
Il tutto con la sintetica rivelazione di Umberto Boccioni “L’Arte deve diventare una funzione della Vita”.
2/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale