Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Canone sui “dehor”: valutazioni se eliminarlo o almeno rimodulare tariffe

E' la giunta comunale a chiedere al Consiglio una “interpretazione autentica” per l'applicazione del canone sui “dehor” che non vengono esplicitamente citati nel "Regolamento per l'applicazione del canone patrimoniale non ricognitorio". L'amministrazione lo ritiene un “ulteriore canone ingiusto e vessatorio” e sta provando a vedere se è possibile eliminarlo per i dehor o comunque se modificarne le tariffe
 ALESSANDRIA - La Giunta Comunale, in riferimento all'applicazione del canone patrimoniale non ricognitorio- col quale si intende quella tassa che viene applicata per elementi “sotto e sopra il suolo pubblico”, quindi dehor, chioschi ed edicole, ma anche enel e fibra ottica - intende chiedere al Consiglio Comunale di Alessandria di fornire una “interpretazione autentica”, ovvero di esprimersi, relativamente al solo caso dei “dehor”, in quanto la voce non è espressamente indicata nel regolamento approvato nell’aprile 2017 che aveva come data di applicazione il 1 gennaio 2018. “Per l'anno trascorso non abbiamo potuto fare niente. E lo abbiamo dovuto applicare così inviando gli avvisi di accertamento per l’anno 2018” ha spiegato l'assessore al Bilancio di Palazzo Rosso Cinzia Lumiera.

Che insieme al resto della giunta sta però analizzando il “caso”: “ci siamo avvalsi di un parere dell’Avvocatura comunale per favorire una pronuncia del Consiglio Comunale su questo tema. Riteniamo questa applicazione del canone ingiusta e vessatoria nei confronti dei cittadini, dal momento che sulle strutture esterne ai pubblici esercizi insistono già la Tosap, la Cosap e altre importanti tasse tra cui la Tari, 'dimenticata' dai precedenti amministratori”.

Fino ad oggi “purtroppo questa amministrazione è stata vincolata dal regolamento in vigore - ha proseguito la Lumiera – e da imposizioni di legge. Ma molti altri comuni hanno deciso di non applicare questo canone. Stiamo valutando se sarà possibile fare una scelta come Comune nella direzione di toglierlo”. Lavorando in questa direzione per il 2019, “andando almeno ad apportare una modifica al Regolamento che permetta laddove sia già stata applicata la Tosap e la Cosap di poter applicare il canone 'in modo compensativo', rimodulando le tariffe (che sono del 2015), cioè una tariffa per i dehor ricompresa nella somma che già viene pagata per le altre tipologie di tasse”.

 
 
26/02/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile