Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Corsa all'ultimo voto per la presidenza della Provincia

Rocchino Muliere, presidente pro tempore, punta su esperienza e capacità di dialogo. Gianfranco Bladi si propone come portavoce dei piccoli comuni. Le elezioni fissate del domenica 24 settembre
ALESSANDRIA – Il dato di partenza è che “se il Governo non metterà a disposizione i fondi necessari per il mantenimento dei servizi, sarà un problema chiudere i bilanci”, come dice Rocchino Muliere, presidente pro tempore della Provincia di Alessandria, dopo Rita Rossa, che ha dovuto lasciare l'incarico in quanto non rieletta sindaco del capoluogo.
Potrebbe essere una sfida all'ultimo voto quella che si profila per domenica 24 settembre, quando i primi cittadini e gli amministratori dei190 comuni saranno chiamati a scegliere il nuovo presidente della Provincia. I candidati sono Rocchino Muliere, sindaco Pd di Novi Ligure per la lista Uniti per la Provincia e Gianfranco Baldi, sindaco di centro destra di Cassine.
Ieri Muliere ha presentato ufficialmente la sua candidatura, alla Taglieria del Pelo. Con lui erano presenti i sindaci dei centri zona amministrati dal centro sinistra: Gianluca Barbero per Valenza, Titti Palazzetti per Casale, Paolo Lantero per Ovada, Gianluca Bardone per Tortona. (foto a sinistra)
In “dote” porta la sua esperienza amministrativa e la sua riconosciuta capacità di dialogo. E la consapevolezza che gestire un ente di secondo grado, riformato con una legge dai tanti aspetti difficili e “salvata” con la bocciatura del referendum dello scorso anno. Il primo scoglio è tutto qui: “Il Governo deve dare le risorse alle province per svolgere le funzioni assegnate, con la consapevolezza che il popolo italiano ha votato per mantenerle come ente costituzionale”. Il dialogo con la Regione (che di fatto ha in mano il portafoglio) e con lo stato è fondamentale.
Tra le funzioni assegnate c'è la manutenzione delle strade (“la nostra provincia ha una delle reti stradali più vaste di tutta la regione”), l'edilizia scolastica, l'ambiente. “Le risorse sono limitate. Occorre un dialogo con tutti i comuni, per stabilire delle priorità”, dice Muliere che vede nella provincia di domani un ruolo “di coordinamento e di supporto, soprattutto ai piccoli comuni”. Più o meno quello che chiedono i sindaci, seduti al tavolo con il candidato. Casale aggiunge la richiesta di “attenzione per le bonifiche in atto”; Bardone per l'ambiente e la gestione dei rifiuti. “E' nostro impegno restituire ai sindaci il senso di fiducia in questo ente”, ha detto Muliere.
Baldi (foto a destra), già consigliere provinciale e attuale sindaco di Cassine, punta soprattutto al dialogo con i piccoli comuni. Ha scelto il casalese per il suo “debutto”, incontrando gli amministratori del territorio. Il suo tour elettorale lo porterà nelle diverse zone.
Sulla carta Muliere può vantare un lieve vantaggio. Nel segreto dell'urna nulla è però scontato. 
8/09/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Golf e auto storiche, due successi
Golf e auto storiche, due successi
Forza e Virtù, conferma a Milano
Forza e Virtù, conferma a Milano
Outlet, festa di primavera
Outlet, festa di primavera
Forte di Gavi, Forte di tutti
Forte di Gavi, Forte di tutti
Premiati i vincitori del concorso “Acqua, gocce di vita”
Premiati i vincitori del concorso “Acqua, gocce di vita”