Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Fibra ottica in città: accordo con il Comune per la rete superveloce

Circa 34mila unità immobiliari saranno cablate in modalità FTTH (Fiber To The Home) grazie ad un investimento di 12 milioni di euro. Grazie alla convenzione siglata con Open Fiber la velocità di connessione sarà fino a 1 Gigabit al secondo
ALESSANDRIA - Realizzare un’infrastruttura interamente in fibra ottica che consenta ai cittadini di beneficiare di una velocità di connessione fino a 1 Gigabit al secondo: è questo l’obiettivo della convenzione siglata da Open Fiber con la città di Alessandria, dove una nuova rete a banda ultra larga assicurerà il massimo delle performance nella navigazione web.

L’investimento di Open Fiber, annunciato giovedì mattina in una conferenza stampa alla presenza, tra gli altri, del Sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco e del Vicesindaco Davide Buzzi Langhi, prevede un investimento di circa 12 milioni di euro per la copertura di oltre 34mila unità immobiliari, che saranno cablate in modalità Fiber To The Home, ossia fibra fino a casa, attraverso un totale di circa 20mila chilometri di fibra ottica.

Alessandria festeggia quest’anno 850 anni di storia – ha esordito il Sindaco Cuttica – e questa infrastruttura ci proietta nel futuro: è uno dei primi atti amministrativi del 2018, la banda ultra larga è uno strumento straordinario per la digitalizzazione della città”.

Ad Alessandria sono già partite le fasi preliminari dei lavori, che si concluderanno entro gennaio del 2019.

“I primi cantieri interesseranno il centro città – ha aggiunto il Vicesindaco Buzzi Langhi - poi si estenderanno a molte altre zone più periferiche. Dal punto di vista economico, la fibra ottica Open Fiber è un grande incentivo: non si può parlare di “Industria 4.0” senza le infrastrutture. Inoltre, grazie a questa opportunità, la maggior parte delle scuole e diversi edifici pubblici avranno una rete ultra veloce”.

Open Fiber porta la fibra fino a casa – ha dichiarato il Regional Manager di Open Fiber per il Piemonte, Enrico Pietralunga – con prestazioni non assimilabili alle altre tecnologie. Poniamo le basi per una vera smart city, anche perché Alessandria è un altro tassello importante per la società in Piemonte, una regione dove stiamo proponendo un modello molto valido. È un investimento concreto che Open Fiber ha deciso di sostenere e cercheremo di limitare, in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale, ogni tipo di disagio per i cittadini”.
La convenzione siglata da Open Fiber con la città piemontese stabilisce infatti le modalità di scavo e ripristino per la posa della fibra ottica, come previsto dal decreto ministeriale del 2013: ove possibile saranno utilizzati cavidotti e infrastrutture di rete sotterranee già esistenti per limitare il più possibile gli eventuali disagi per la comunità. Gli scavi saranno effettuati privilegiando modalità innovative sostenibili e a basso impatto ambientale.

Open Fiber e l’Amministrazione Comunale hanno concordato, nell’ambito del piano di investimenti previsto per la città, il cablaggio di diversi edifici pubblici, tra cui 15 scuole (incluso il Nido comunale Arcobaleno), il Conservatorio Statale “Vivaldi”, il Palazzo del Municipio e altri punti di interesse del territorio.

L’arrivo della fibra ultra veloce Open Fiber ad Alessandria conferma quindi l’impegno della società in Piemonte: oltre a Torino, dove sono state già cablate più di 330mila unità immobiliari, sono stati aperti cantieri anche a Novara, Vercelli e nei comuni della cintura torinese, e nei prossimi mesi il piano si estenderà a molte altre città della Regione. Open Fiber porterà la fibra ottica anche nei piccoli borghi, nelle frazioni e nelle aree sparse del Piemonte comprese nel secondo bando Infratel Italia. L’azienda si è infatti aggiudicata la realizzazione della rete a banda ultra larga nella aree a fallimento di mercato, che rientrano nel cluster C&D: nel piano, che prevede un investimento pubblico di 284 milioni di euro, sono coinvolti 1150 i comuni del Piemonte e 900mila unità abitative
.
Open Fiber è un operatore wholesale only: non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma è attivo esclusivamente nel mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso a tutti gli operatori di mercato interessati. L’azienda punta a garantire la copertura delle maggiori città italiane con l’obiettivo di realizzare una rete quanto più pervasiva ed efficiente possibile, che favorisca il recupero di competitività del “sistema Paese” e, in particolare, l'evoluzione verso “Industria 4.0”. Grazie alla fibra ottica Open Fiber case, condomini, scuole, uffici, aziende e strutture della Pubblica Amministrazione velocizzeranno il processo di digitalizzazione, semplificando e migliorando le relazioni fra cittadini e P.A. e aumentando la produttività e la competitività delle imprese.
26/01/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale