Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Vignole Borbera

Gestione del palasport di Vignole, lite fra associazione e Comune

Scontro a Vignole Borbera fra l'amministrazione comunale e l'associazione Cuspide che ha gestito il palasport del paese fino a pochi giorni fa quando il suo presidente Cristiano Sias ha trovato modificati i codici informatici di apertura delle porte dell'impianto sportivo
VIGNOLE BORBERA - Scontro a Vignole Borbera fra l'amministrazione comunale e l’associazione Cuspide che ha gestito il palasport del paese fino a pochi giorni fa quando il suo presidente Cristiano Sias ha trovato modificati i codici informatici di apertura delle porte dell'impianto sportivo. "Il Comune mi ha contestato alcune presunte inadempienze rispetto alla convenzione dello scorso novembre", spiega Sias.

I motivi del contendere li elenca il sindaco di Vignole Giuseppe Teti: "Il gestore del palazzetto è moroso nel pagamento delle mensilità, abbiamo ricevuto lamentele degli utenti per la sporcizia negli spogliatoi e il gestore non ha adempiuto ai dettami della convenzione anche su altri punti come il decoro del verde adiacente il palasport".

Per il Comune, Cuspide non avrebbe versato i canoni dovuti, ipotesi che Sias respinge: "Ho le ricevute di pagamento mentre per quanto riguarda il mese di febbraio, ho scritto all’amministrazione rilevando come il ritardo del mese scorso sia dovuto a un crollo delle entrate anche perché il palasport per molti giorni era stato preso dal Comune per proprie esigenze e quasi senza preavviso", anche se sul punto il Comune ha obiettato rilevando come l’utilizzo dell’impianto abbia generato incassi e non perdite.

Ma la presunta morosità non è stata la sola causa contestata all’associazione Cuspide dal comune perché a chi gestisce il palazzetto è stato rimproverato anche un eccessivo aumento dei consumi oltre a problematiche legate ai presidi di sicurezza della struttura ma anche su questo punto Sias ha le sue controdeduzioni: "Sui consumi eccessivi va rimarcato che l’accesso alla struttura è stato consentito dal Comune a decine di persone tutte dotate di badge per l’entrata: molte volte ho aperto il palazzetto al mattino trovando le luci accese. Per quanto riguarda i presidi di sicurezza, credo che la manutenzione degli estintori ad esempio, spetti al proprietario della struttura".

Ricevuta la prima nota del Comune, Cristiano Sias non è stato con le mani in mano ma ha contro dedotto ogni osservazione e non si arrende: "Ci siamo rivolti a un legale perché ci sono dei profili giuridici che non ci convincono. Non crediamo che un atto unilaterale di una pubblica amministrazione possa avere “decorrenza immediata”, sarebbe contrario a ogni logica".

Il sindaco Giuseppe Teti invece preferisce pensare al futuro: "L’impianto continuerà a rimanere aperto, gestito dai volontari in attesa di individuare un nuovo gestore".
25/03/2017
Maurizio Iappini - m.iappini@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Un'associazione per Simone Dispensa
Un'associazione per Simone Dispensa
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"