Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Piemonte

Regione: "Oltre un miliardo di euro in bilancio per pagare fornitori e imprese"

"Continua l’azione di messa in sicurezza dei conti e di rilancio economico della Regione" ha commentato il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, dopo la seduta del Consiglio di martedì 22 ottobre che ha approvato la variazione di bilancio di 1,303 miliardi di euro per pagare i debiti di fornitori e imprese
 PIEMONTE - "Continua l’azione di messa in sicurezza dei conti e di rilancio economico della Regione, a fronte della difficile situazione ereditata: attraverso questo recupero di risorse, siamo stati capaci di costruire un modello efficiente, che ci mette nelle condizioni di pagare i fornitori in tempi rapidi. Inutile sottolineare quanto questo sia importante in un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo". Lo dichiara il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, commentando l’approvazione in Consiglio regionale della variazione di bilancio dell’importo di 1,303 miliardi di euro voluta dalla Giunta per pagare i debiti verso fornitori e imprese. Infatti nella seduta di ieri, 22 ottobre, è stato approvato all’unanimità dei votanti il disegno di legge n. 370 per una ulteriore variazione di bilancio 2013 e pluriennale 2013-2015, per pagare i debiti della Pubblica amministrazione.

Tra luglio e agosto, tra debiti sanitari e non sanitari, la Regione aveva erogato mille e 251 milioni di euro, attraverso la I fase derivante dal decreto legge n. 35, convertito a giugno con legge n.65/2013. Ora con questo nuovo provvedimento di legge, approvato dal Consiglio regionale in base al decreto legge n. 102 dell’agosto 2013 (in attesa di conversione), vi è la possibilità (per le Regioni che lo hanno richiesto) di erogare una importante anticipazione delle somme previste per la II fase del 2014. Si tratta di 660,2 milioni di euro per i debiti “commerciali” e 642,9 per i debiti della sanità, calcolati sulle stime che erano state fatte a livello governativo. Il totale è quindi di oltre un miliardo e 304 milioni di euro che verranno immessi nel sistema economico piemontese in un momento di grave crisi. Il dettaglio dei pagamenti previsti dall'articolo 2 del decreto (debiti degli enti locali verso le imprese) sarà disponibile nei prossimi giorni. Tra le varie voci sono comunque previsti circa 76,6 milioni ai Comuni, 174,6 alle Province e 590 mila euro alle Unioni dei comuni. Per quanto riguarda invece le Asl la ripartizione delle risorse prevede circa 64,2 milioni per Alessandria, con una somma per il Santi Antonio Biagio e Cesare Arrigo di 17,9 milioni di euro.

La procedura di pagamento dovrebbe – secondo quanto asserito dall’assessore Pichetto – chiudersi entro novembre. Il vantaggio dell’anticipazione sarebbe anche da ricondursi al fatto che gli interessi (3,004%) verranno sempre calcolati dal febbraio 2015. Il debito verso la Cassa depositi e prestiti sarà restituito dalla Regione in 30 anni.
26/10/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Un'associazione per Simone Dispensa
Un'associazione per Simone Dispensa
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"