Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Rossa: la "maglia nera" (vera) arriva all'ultimo Consiglio comunale

In occasione dell'ultimo consiglio comunale per la votazione del rendiconto 2016, una parte della minoranza consegna al sindaco Rossa la "maglia nera" come "ultimo sindaco d'Italia". Dai banchi dell'opposizione una fotografia della città e di come è stata amministrata in questi 5 anni "eccessiva e che non fa bene alla città" secondo l'assessore al bilancio Abonante
 ALESSANDRIA - La “maglia nera” al sindaco di Alessandria Rita Rossa, “ultimo sindaco d'Italia” , è arrivata per davvero nell'ultima seduta del Consiglio comunale di giovedì 18 maggio in occasione della votazione del bilancio consuntivo 2016. Una t-shirt che una parte della minoranza (Buzzi Langhi per Forza Italia e Barosini per l'Udc) ha consegnato al primo cittadino e che ironicamente sintetizza la “bocciatura” della sua amministrazione della città in questi ultimi 5 anni. Al quale la Rossa ha risposto con un profetico, “gli ultimi saranno i primi” (in vista della nuova tornata elettorale).

Una “goliardata” (e non è stata l'unica perché il sindaco ha ricevuto anche il premio "Attila" per essersi distinta a danno dell'ambiente e della salute da parte di Rete Ambientalista Movimento di Lotta per la Salute, per l'Ambiente e per la Pace) - come si fa l'ultimo giorno di scuola – che è stata preceduta però da un dibattito sui “numeri” e sullo stato delle cose, quelle fatte e quelle non, che chiudono questa consigliatura e il governo della città della giunta Rossa. “1 milione di avanzo da destinare ad investimenti, sui 35 totali di avanzo di bilancio – spiega l'assessore Giorgio Abonante – Con un risparmio netto sulla parte corrente molto consistente, passando da oltre 100 milioni a 85”. E poi ancora c'è il valore in crescita dell'ente nelle partecipazioni, cioè nelle aziende con un sistema di “rinascita” come per il settore del trasporto pubblico, che è di nuovo positivo. “Il patrimonio si attesta sui 138 milioni con un +71% - sintetizza Abonante – e anche la spesa è scesa con riduzioni e tagli ai trasferimenti alle partecipate oltre che economie nell'ente”. Ma non è tutto rose e fiori. E lo si sa. “Restano settori in cui si è ancora carenti, come le entrate sia per riscossioni che per accertamenti e da un punto di vista strutturale si fatica ancora ad eliminare i residui attivi”. Comunque ci sono elementi di certezza per l'assessore al bilancio, “che sono quelli da cui ripartire”: una holding comune e sana, la Grande Amag, Aral (quindi il settore smaltimento rifiuti) che è tornata ad essere in positivo e nessuna perdita occupazionale, specie nelle aziende partecipate (quelle più in crisi).

Una fotografia quasi opposta è quella che emerge dai banchi della minoranza: “non si può dire di avere risanato se ci sono ancora 276 milioni di debiti” sono le parole di Davide Buzzi Langhi. Che sottolinea come la città sia “sporca, nel degrado, con le tasse al massimo”. Conti che “non sembrano descrivere la situazione sostanziale e reale della città” per il Movimento 5 Stelle dalle parole del consigliere Domenico Di Filippo, Ancora troppe criticità, come sono state evidenziate anche dai Revisori dei conti, “specie mettendo in dubbio la reale concretezza delle entrare, di recupero crediti e di eliminazione di debiti alcuni dei quali risalgono a molto lontano”. Insomma per i grillini i conti in ordine della giunta Rossa sono come quelli che sostengono “che l'operazione è riuscita, ma il paziente è morto”.

Una fotografia della città dai banchi dell'opposizione come quella di una città del Terzo Mondo, “che mi sembra eccessiva e che non fa bene alla città” è stata la risposta dell'assessore Abonante. “Non l'abbiamo mai venduta come un gioiello, ma almeno descriviamola per quello che è davvero”. Tante cose “che noi avremmo fatto diversamente ” è una delle frasi che spesso risuona dai banchi della minoranza. A cui ha risposto il capogruppo della maggioranza Pd, Fabio Camillo: “voi avete fatto diversamente da noi. Quello è certo”. Il rendiconto 2016 è stato votato dalla maggioranza tutta più il voto di Raica del Gruppo Misto, mentre è stato bocciato con un voto contrario dalla minoranza, quindi Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Lega Nord, Udc, Federazione della Sinistra, Fratelli d'Italia.

Un finale di amministrazione, un bilancio di fine mandato che fa i conti con il prossimo impegno alle porte: la campagna elettorale.
19/05/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Quando a Novi arriv? il mare
Quando a Novi arriv? il mare
Chaves legge Dante
Chaves legge Dante
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 607: la strada di Napoleone nella zona di Valenza
Sentiero 607: la strada di Napoleone nella zona di Valenza
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona sabato 23 settembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona sabato 23 settembre
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Studenti alla palestra di terra
Studenti alla palestra di terra