Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Time's up: sabato 20 ottobre un seminario per una nuova idea di democrazia promosso da Arcipelago

Un’intera giornata sarà dedicata per confrontarsi sull’Europa che verrà e, su un nuovo progetto politico. Tanti i relatori di prestigio che prenderanno parte all'evento: fra loro anche l'ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari e il sociologo Luca Ricolfi
ALESSANDRIA - L’Associazione Arcipelago, presieduta da Carlo Viscardi, "con una forte assunzione di responsabilità promuove un incontro che è riduttivo definire 'seminario', teso a realizzare una iniziativa concreta per dare voce ad un progetto di governo nuovo, di rottura con la vecchia interpretazione dell’Europa ma in contrasto con sovranisti e popolusti".

Si presenta così l'incontro in programma sabato 20 ottobre presso l'associazione Cultura e Sviluppo Alessandria, al quale parteciperanno numerosi intellettuali, del nostro territorio e del panorama italiano: dalle 9,30, Arcipelago riunirà in una tavola rotonda aperta al pubblico nomi quali Giorgio Barberis, Aldo Bonomi, il sociologo Domenico De Masi, Walter Jo­rain, l’intellettuale già sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, Andrea Carli, l’ esperto in etica e responsabilità sociale d'impresa Emilio D’Orazio, Alberto Martinelli, Michela Mercuri, Guido Ortona, il giurista Franco Pizzetti , Marco Revelli, il sociologo Luca Ricolfi.

Le “menti pensanti” del Seminario “Time’s UP e ora una Nuova Europa” dialogheranno su temi specifici, suddivisi in cinque sessioni, a partire dalla prima dal titolo emblematico di “Crepuscolo della Politica”, per proseguire su temi quali Globalizzazione e Governance, Nuove Tecnologie, Lavoro, Rappresentanza.



“Accogliendo l’invito di un gruppo di intellettuali firmatari dell’Appello del 3 agosto (riportato sotto), Arcipelago si fa promotrice di un Seminario da cui scaturirà un percorso innovativo e condiviso, fuori dagli schemi, aperto a cittadini che si mettono in rete per riprendersi la politica ed un network online che articolerà la propria presenza sul territorio” annuncia Carlo Viscardi, prefigurando “una 'infrastruttura leggera' che darà voce ad un progetto politico tutto nuovo. Noi riteniamo che, collassate le vecchie forme della rappresentanza, nel contesto di una società contraddistinta da un elevato grado di disintermediazione e accentuata personalizzazione della politica, debba essere ricercato un nuovo ordine democratico. E’ una Nuova Europa che deve costituirsi”.

La partecipazione al Seminario è consentita sino ad esaurimento posti. Con una quota di adesione di 50 euro sarà anche possibile prender parte a lunch, coff­ee break e avere gli atti che verranno prodotti.

Chi volesse partecipare può contattare Arcipelago via mail - info.arcipelago@gmail.com - o chiamando la segreteria organizzativa del Seminario: cell 3488906795.

Il blog www.assocaizionearcipelago.it accompagna e prepara questo momento di confronto a cui si sta lavorando da mesi "perché è in gioco il futuro del nostro Paese e dell’Europa", ed è presente anche un video introduttivo all'incontro. 

Qui è disponibile il programma completo dell'incontro di sabato. 

L’appello degli intellettuali

La situazione dell’Italia si sta avvitando in una spirale distruttiva. L’alleanza di governo diffonde linguaggi e valori lontani dalla cultura — europea e occidentale — dell’Italia. Le politiche progettate sono lontane da qualsivoglia realismo e gravemente demagogiche. Nella mancanza di una seria opposizione, i linguaggi e le pratiche dei partiti di governo stanno configurando una sorta di pensiero unico, intriso di rancore e risentimento. Il popolo è contrapposto alla casta, con una apologia della Rete e della democrazia diretta che si risolve, come è sempre accaduto, nel potere incontrollato dei pochi, dei capi. L’ossessione per il problema dei migranti, ingigantito oltre ogni limite, gestito con inaccettabile disumanità, acuisce in modi drammatici una crisi dell’Unione europea che potrebbe essere senza ritorno.
L’Europa è sull’orlo di una drammatica disgregazione, alla quale l’Italia sta dando un pesante contributo, contrario ai suoi stessi interessi. Visegrad nel cuore del Mediterraneo: ogni uomo è un’isola, ed è ormai una drammatica prospettiva la fine della libera circolazione delle persone e la crisi del mercato comune. È diventata perciò urgentissima e indispensabile un’iniziativa che contribuisca a una discussione su questi nodi strategici. In Italia esiste ancora un ampio spettro di opinione pubblica, di interessi sociali, di aree culturali disponibile a discutere questi problemi e a prendere iniziative ormai necessarie. Perché ciò accada è indispensabile individuare, tempestivamente, nuovi strumenti in grado di ridare la parola ai cittadini che la crisi dei partiti e la virulenza del nuovo discorso pubblico ha confinato nella zona grigia del disincanto e della sfiducia, ammutolendoli. Per avviare questo lavoro — né semplice né breve — è indispensabile chiudere con il passato ed aprire nuove strade all’altezza della nuova situazione, con una netta ed evidente discontinuità: rovesciando l’ideologia della società liquida, ponendo al centro la necessità di una nuova strategia per l’Europa, denunciando il pericolo mortale per tutti i paesi di una deriva sovranista, che, in parte, è anche il risultato delle politiche europee fin qui condotte.
C’è una prossima scadenza, estremamente importante, che spinge a mettersi subito in cammino: sono ormai alle porte le elezioni europee. C’è il rischio che si formi il più vasto schieramento di destra dalla fine della Seconda guerra mondiale. La responsabilità di chi ha un’altra idea di Europa è assai grande. Non c’è un momento da perdere. Tutti coloro che intendono contribuire all’apertura di una discussione pubblica su questi temi, attraverso iniziative e confronti in tutte le sedi possibili, sono invitati ad aderire.

Enrico Berti
Massimo Cacciari
Michele Ciliberto
Biagio de Giovanni
Vittorio Gregotti
Paolo Macrì
Giacomo Manzoni
Giacomo Marramao
Mimmo Paladino
Maurizio Pollini
Salvatore Sciarrino
17/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il tricolore della Pernigotti
Il tricolore della Pernigotti
Pernigotti, il no dei dipendenti
Pernigotti, il no dei dipendenti
Il rito della bandiera
Il rito della bandiera
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Vegni sarà il nostro futuro
Vegni sarà il nostro futuro
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati