Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Fubine Monferrato

A Fubine ridens “Edcò j'angej a bèivo Barbera”

Sabato 13 gennaio la compagnia Brofferio - Amis dla pera di Asti presenterà il libero adattamento dell’omonima commedia di Amendola, Corbucci e Barbero. L’antica rivalità tra gli abitanti di San Grato e San Biagio, viene inasprita da un’accesa diatriba tra Conte e Sindaco, dovuta al progetto per la costruzione di una nuova strada...

FUBINE - Sabato 13 gennaio torna Fubine Ridens, la rassegna di teatro brillante organizzata dalla Compagnia Teatrale Fubinese. Alle 21.15, al Teatro dei Batù (via Longo) la compagnia Brofferio - Amis dla pera di Asti presenterà Edcò j'angej a bèivo Barbera, libero adattamento dell’omonima commediad di Amendola, Corbucci e Barbero. Ingresso 7 euro.

L’antica rivalità tra gli abitanti di San Grato e San Biagio, viene inasprita da un’accesa diatriba tra Conte e Sindaco, dovuta al progetto per la costruzione di una nuova strada, che dovrebbe passare dove sorge il castello dei nobili Savio. La questione non sembra facilmente risolvibile, ma questa volta l'aiuto arriva direttamente dal Cielo: uno spirito allegro è in cerca di una buona azione che gli valga la promozione alla categoria superiore, proprio come un vero Angelo Custode, e si materializza per mettere a posto ogni cosa. Si tratta di Cosimo, capostipite della stirpe dei Conti Savio, tornato sulla Terra con una poco angelica ed incontrollabile passione per il gustoso prodotto dei vigneti piemontesi, che condurrà la vicenda a lieto fine o quasi...
10/01/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe