Novi Ligure

I lavoratori Compass Group incrociano le braccia

Oggi sindacati e lavoratori distribuiranno volantini tra i clienti dell'Outlet: protestano contro i tagli annunciati dall'azienda che colpiranno anche uno dei punti vendita all'interno del centro commerciale. E, ad Alessandria, Aristor in Piazzetta della Lega "continua a dar da mangiare"
PROVINCIA – È sciopero nazionale oggi per tutti i lavoratori della Compass Group Italia, per protestare contro gli 824 esuberi annunciati dalla società su un totale di poco più di 7.900 dipendenti. Uno ogni dieci, in pratica, sarebbe destinato a perdere il lavoro.

La Compass Group, famosa, ormai, per essere socia di maggioranza della partecipata del comune di Alessandria, Aristor, è attiva in molti settori, tra cui pulizie, turismo, trasporti e ristorazione collettiva. Ed è anche in un ristorante di Serravalle Scrivia che alcuni dipendenti potrebbero perdere il posto: si tratta del Gazebo Bistrot, all’interno del centro commerciale Outlet. Qui lavorano una ventina di persone, per lo più donne con contratto part time, e tre di loro rischiano. E' una delle prime volte che uno sciopero coinvolge, anche se in maniera molto parziale, l'Outlet di Serravalle.

“Questa mattina saremo con i lavoratori all’Outlet di Serravalle – spiega Maura Settimo, segretaria generale della Uiltucs-Uil provinciale – Distribuiremo volantini tra i clienti del centro commerciale per sensibilizzare l’opinione pubblica sui tagli che la Compass Group ha annunciato e che, a nostro parere, sono assolutamente ingiustificati. Secondo i piani aziendali, il ristorante di Serravalle dovrebbe fare a meno di un lavoratore, ma non è chiaro se si tratterà di un dipendente a tempo pieno o di tre dipendenti part time. Tutto questo mentre, in realtà, il punto vendita risulta sotto organico”.

Numeri piccoli, certo, ma un licenziamento qui, uno là, moltiplicato per centinaia di appalti e di strutture, si arriva all’impressionante totale di 824 esuberi. “La procedura di licenziamento collettivo avviata dalla Compass Group è arrivata senza alcun preavviso e ne abbiamo chiesto il ritiro – dice ancora Settimo – Abbiamo quindi indetto lo sciopero nazionale e abbiamo intenzione di seguire tutte le strade possibili per tutelare l’occupazione di tutti i lavoratori della Compass”.


Confermata anche l'inziativa dei lavoratori della ditta di distribuzione pasti nelle mense, l'Aristor.
"Per far conoscere alle famiglie, agli alessandrini - spiega Mario Galati, Cgil - quale è la situazione di Aristor venerdì mattina dalle 10 alle 13 saremo in piazzetta della lega". Lo slogan è "Continuiamo a dare da mangiare": saranno distribuiti volantini informativi e ben 50 kg di focaccia. "Un modo per far conoscere la realtà di questo servizio, la volontà dei lavoratori di proseguire il servizio e le conseguenze qualora la distribuzione pasti si dovesse fermare", ha chiarito Galati.
30/11/2012
Elio Defrani - e.defrani@ilnovese.info