Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura e Spettacolo

"Elio", una lettera ad un fratello

Un fratello minore che vede il maggiore andare a "fare la rivoluzione" nell'America Centro Meridionale e lo aspetta, senza mai vederlo tornare. Soltanto anni dopo, una scarna comunicazione, che dice solo l'essenziale: Elio è morto per la causa. Nè una data, nè un corpo, né una tomba su cui mettere un fiore. Un racconto denso di odori, di profumi, di paesaggi dal Piemonte al Salento
CULTURA E SPETTACOLO - “Non mi stupisce che Gianni Ferraris abbia scritto “Elio” solo quando dalla brumosa Solero, vicino ad Alessandria, è andato a vivere a Lecce. Il sole, l’elio greco del Salento, ha sciolto e dato urgenza alla condivisione di quell’amore e di quella ferita che Gianni si portava dietro da tanto tempo. E non solo il sole, i luoghi anche, seppure non gli stessi ma molto vicini, perché Elio, suo fratello, nei così lontani ma insieme tremendamente vicini anni ’70, era sceso dal freddo nord per fare lavoro politico per Lotta Continua a Molfetta. Ma quel sud a Elio, il ragazzo che voleva “spaccare in pezzi il mondo per vedere come è fatto dentro e cambiare le parti marce”, non era bastato. Ne cercava di ancora più lontani. E allora il Brasile, il Cile, la Bolivia, l’Argentina, il Nicaragua della rivoluzione sandinista, il Salvador del Frente Farabundo Martì.”

Così Francesca Caminoli nella prefazione a questo libro/lettera che Gianni Ferraris scrive al fratello Elio di cui non conosce il luogo e le circostanze della morte mentre combatteva in appoggio al FLMN salvadoregno. Dagli anni ’80 del novecento al primo decennio degli anni duemila il ricordo rimane e rode come un tarlo, finché l’incontro con il Salento e forse con la maturità regalano a Gianni la voglia di raccontare e di raccontarsi. Non un libro sul ’68, solo una sorta di “biografia di un periodo”, come qualcuno ha detto. Una narrazione di luoghi e personaggi fra il Piemonte e il Salento, un racconto di incontri, emozioni, ricordi.

 
28/12/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Chaves, il saluto sul crinale
Chaves, il saluto sul crinale
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Distilleria aperta
Distilleria aperta
Love date, amore e web
Love date, amore e web
La protesta dei 101
La protesta dei 101