Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sanità

Una cena per sostenere l'Associazione Alice Ictus

Si svolgerà martedì 5 giugno alle ore 20, presso la Ristorazione sociale in Viale Milite Ignoto, un’importante cena di beneficenza a sostegno dell’ “Associazione Alice Ictus”
Si svolgerà martedì 5 giugno alle ore 20, presso la Ristorazione sociale in Viale Milite Ignoto 1/a, un’importante cena di beneficenza a sostegno dell’ “Associazione Alice Ictus” sezione di Alessandria.
La Provincia di Alessandria, con l’Assessore alle Politiche Sociali, Maria Grazia Morando è lieta di sostenere e promuovere questa iniziativa per favorire la conoscenza e l’attività dell’associazione di volontariato.
Alice Alessandria (Associazione per la Lotta all’Ictus CErebrale), associazione non lucrativa basata sul volontariato, nasce il 17 Ottobre 2008 con lo scopo di promuovere la prevenzione, la cura, la riabilitazione e il reinserimento socio-lavorativo dei soggetti colpiti da Ictus e sostenerne le famiglie. Alice Alessandria fa parte di Alice Italia: una Federazione di Associazioni Regionali formata da persone colpite da ictus, loro familiari, personale sanitario (medici, psicologi, infermieri, fisioterapisti, terapisti occupazionali, logopedisti) personale con esperienza nel sociale e chiunque condivida gli scopi dell’associazione stessa.
“L’ictus cerebrale” spiega l’Assessore Maria Grazia Morando “costituisce, nei paesi industrializzati, la seconda causa di morte e la prima di invalidità permanente acquisita, nella popolazione adulta e anziana. Inoltre, un terzo delle persone colpite da ictus sviluppa una perdita significativa delle funzioni cognitive (linguaggio, ragionamento, memoria). Le famiglie che si trovano di colpo a dover gestire un parente colpito da ictus necessitano di sostegno professionale, di sostegno fisico e psicologico per una adattamento, non facile, ad una nuova condizione di vita. Sostenere un’associazione costituita da personale qualificato significa aiutare le persone colpite da ictus e i loro familiari” prosegue l’Assessore “ma significa anche fare informazione e dunque prevenzione. Non dimentichiamoci, infatti che esistono dei fattori di rischio facilmente individuabili e controllabili che possono ridurre il rischio di venire colpiti da ictus”.

“La sezione di Alessandria” spiega a tal proposito la dottoressa Viola Nicolucci, Presidente di Alice Alessandria “abbraccia le finalità dell’associazione nazionale: attività di volontariato a beneficio delle persone colpite da ictus cerebrale e loro familiari, ma anche informazione circa i rischi di ictus, la prevenzione della malattia e i possibili percorsi di trattamento e recupero. Il riconoscimento dei sintomi di un ictus - prosegue la dottoressa Nicolucci - è fondamentale, perché consente di instaurare un’adeguata e immediata terapia che è efficace tanto più è immediata. Da qui l’importanza di creare una rete tra tutti i soggetti coinvolti nel soccorso di un paziente colpito da Ictus; dunque gli operatori del 118, del Pronto Soccorso e l’importanza di avere strutture ospedaliere specializzate nell’accoglienza e nella cura di questi pazienti.
L’Azienda Ospedaliera di Alessandria possiede una “Stroke Unit”, ossia un reparto altamente specializzato, di cui è responsabile il dottor Luigi Ruiz, creato per ospitare unicamente il malato di ictus e nel quale lavorano insieme personale medico e paramedico, addetto soltanto a questo tipo di patologia, per garantire ai pazienti il miglior recupero possibile.
La dottoressa Viola Nicolucci, infine, lancia un appello per trovare volontari per il rilancio delle attività a livello locale: “La presenza di volontari è necessaria per sostenere le attività organizzative e di informazione indispensabili per promuovere consapevolezza sulle patologie cerebrovascolari, che ogni anno in Alessandria e provincia colpisce un numero molto elevato di persone. La cena di beneficenza sarà un momento importante per la sottoscrizione della tessera di sostegno all’associazione, ma sarà anche un modo per condividere i vissuti e le esperienze delle persone colpite da ictus e delle loro famiglie indispensabili per un recupero funzionale ed un reinserimento nella vita sociale, promuovendo il diritto alla salute e alla qualità della vita”.
30/05/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Pernigotti, la difesa di Muliere
Pernigotti, la difesa di Muliere
"Orde di locuste"
"Orde di locuste"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Cantina produttori del Gavi
Cantina produttori del Gavi
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Una lotta che non si ferma
Una lotta che non si ferma