Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Giorno della Memoria 2016: "antisemitismo e razzismo nel fascismo italiano"

Un percorso di conoscenza e di riflessione per la Giornata della Memoria 2016 con gli studenti delle classi di quinta superiore degli istituti della provincia. Il percorso si chiuderà il 27 gennaio 2016 con un viaggio a Risiera di San Sabba a Trieste e del Campo di concentramento nell'Isola di Rab in Croazia
 PROVINCIA - Un tema su cui concentrarsi: "razzismo e antisemitismo al tempo del fascismo italiano". Questo è stato il percorso di riflessione e conoscenza dei ragazzi delle classi V degli istituti superiori della provincia di Alessandria. "Il Giorno della Memoria 2016" proposto nel trimestre ottobre-dicembre di questo anno in vista della giornata di memoria del prossimo 27 gennaio si è sviluppato in lezioni tenute dai professori Giampiero Armano (coordinatore del progetto) e Agostino Pietrasanta (storico, referente del progetto formativo “Giorno della Memoria” ed. 2016).  Un progetto che ormai da undici anni caratterizza l'impegno della provincia ad una azione educativa storica, grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, oltre all'Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio IV - ambiti Alessandria e Asti.

"L'argomento proposto all’attenzione degli studenti — ha commentato il sindaco Rita Rossa, nonché presidente dell’amministrazione Provinciale — consente di far conoscere come gradualmente in Italia, con l'avvento e lo sviluppo del fascismo, i sintomi di razzismo e antisemitismo siano diventati sempre più imperiosi al punto tale da rendere, con il 'Manifesto della razza' e con le Leggi razziali del 1938, lo Stato razzista e antisemita e, durante il periodo 1943-45, collaboratore diretto con le truppe naziste presenti in Italia per deportare ed eliminare nei lager ebrei ed oppositori politici".
"Non possiamo che ringraziare i promotori di questo importante progetto formativo — ha aggiunto l’assessore Maria Teresa Gotta — Un progetto che, nel coinvolgere direttamente gli studenti alessandrini in questa prima fase di realizzazione, è stato da loro accolto e seguito con attenzione e partecipazione, più che negli altri anni". "Ciò fa ben sperare- ha proseguito il sindaco insieme ai professori Armano e Pietrasanta — che la memoria delle terribili esperienze nazifasciste promuova nei giovani una più attenta presa di coscienza su quanto accade nella vita presente, come dimostrano le stragi e gli attentati degli ultimi mesi".

Un progetto formativo che prevede come fase finale un viaggio degli studenti -che si effettuerà il 25-26-27 febbraio 2016 - alla Risiera di San Sabba a Trieste e al Campo di concentramento nell'Isola di Rab (Arbe) in Croazia. "Si tratta di due luoghi della memoria - come hanno spiegato i due professori, Armano e Pietrasanta - che hanno una forte relazione con l'argomento che è stato trattato durante le lezioni frontali, a dimostrazione che la politica fascista fin dalle sue prime fasi e durante la guerra, ha perseguito finalità razziste e antisemite". Nell'Isola di Rab (Arbe) furono infatti internati circa 15 mila croati, sloveni ed ebrei e alcune migliaia morirono a causa delle privazioni e delle violenze inferte dalle autorità militari italiane negli anni 1941-42. La Risiera di San Sabba, invece, fu l'unico luogo di internamento italiano fornito di forno crematorio e, dal 1943-44, fu usato per eliminare ebrei, perseguitati politici e partigiani.
Ed è proprio su questo "viaggio della Memoria" che il sindaco Rossa lancia un appello: "i ragazzi che vogliono partecipare a questa esperienza sarebbe molti di più. Ma le risorse impediscono di poter aprire il viaggio anche ad altri giovani interessati a conoscere la nostra storia e memoria". L'appello è rivolto alle realtà imprenditoriali della provincia, affinchè possano pensare di farsi partner e sostenitori di qualche risorsa che permetta di partire con qualche pullman in più.

Il 27 gennaio 2016, poi, sarà la volta della cerimonia ufficiale: un corteo che, partendo dalla Sinagoga in via Milano, si snoderà per le vie della città per concludersi al Carro ferroviario (sul Piazzale dei Deportati, posto quale segno monumentale che richiama la tragedia della deportazione e della Shoah) — a ricordare i 25 ebrei alessandrini morti nei Lager nazisti.
22/12/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora