Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sanità

Afef madrina del nuovo Day Hospital Oncoematologico

Taglio del nastro per la struttura, già operativa da qualche tempo, che ospita mediamente novanta pazienti al giorno. Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Uspidalet per quasi quattrocentomila euro, frutto del contributo di grandi imprese e singoli cittadini
SANITA' - Una inaugurazione come quelle di una volta per il Day Hospital Oncoematologico dell'ospedale di Alessandria. Operativo già da qualche tempo, è stato al centro della presentazione durata circa un'ora e mezza, sotto la regia della Fondazione Uspidalet che ha portato a termine il progetto, nel salone dell'azienda ospedaliera, seguita dal taglio del nastro della nuova area di accoglienza dei pazienti e dal rinfresco finale. Madrina dell'evento, Afef Tronchetti Provera. Una presenza discreta, che ha avuto parole di particolare sensibilità per l'attenzione ai pazienti oncologici, ricordando una amica scomparsa poco tempo fa e che lei ha seguito nelle fasi della malattia. “Ho vissuto da vicino questa esperienza e so cosa vuole dire” ha commentato ieri pomeriggio. Una presenza importante quella del marito che ha risposto alla richiesta di aiuto di Alla Palenzona, presidente della Fondazione Uspidalet, contribuendo a completare l'ultima fase di raccolta dei fondi necessari per l'opera di riqualificazione del Day Hospital: circa quattrocentomila euro. Un intervento fondamentale per un “servizio strategico” come è stato definito da Giovanna Baraldi, direttore generale dell'azienda ospedaliera 'Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo' di Alessandria, e una testimonianza del percorso “intelligente e di grande apertura” della Fondazione Uspidalet, come è stato definito da Romilda Tafuri, prefetto di Alessandria. Salone affollato per gli interventi e i ringraziamenti di grandi imprese del territorio come di singoli cittadini che hanno contribuito a raccogliere la cifra necessaria per completare un progetto intorno al quale ruota l'intero sistema delle cure oncologiche e della ricerca, come sottolineano Marco Ladetto e Gianmauro Numico, direttori, rispettivamente, di Ematologia e Oncologia.

“La terapia dei tumori sta cambiando a una velocità impressionante, grazie alla ricerca che è una foresta che cresce con risultati enormi” ha sottolineato Ladetto, ieri pomeriggio, durante la presentazione del Day Hospital. Una struttura che vede passare ogni giorno una media di novanta pazienti e che fa della “appropriatezza, razionalizzazione e gestione dei passaggi” uno dei punti forti “con l'obiettivo di ridurre le attese, migliorare le prestazioni e calibrare le cure perché una delle frontiere delle terapie è proprio rappresentata dalla cura personalizzata”. La necessaria riorganizzazione della parte burocratica (cartella clinica, documentazioni) con la parallela informatizzazione e interazione con i servizi interni come la farmacia, per la preparazione dei dosaggi, fa parte, ricorda Numico, del sistema intorno al quale ruota la cura dei tumori e si inserisce l'attività di ricerca. “I pazienti che entrano in un percorso di studio – rileva Ladetto – stanno meglio di altri”.
Il progetto del Day Hospital Oncoematologico ha previsto la realizzazione, nel seminterrato, di una nuova zona accoglienza, su una superficie di 400 metri quadrati in cui i pazienti oncoematologici e i familiari possano essere accolti e attendere in modo tranquillo il turno per eseguire prelievi, visite e terapie, disponendo di spazi adeguati con servizi igienici, segreteria, accettazione, area ristoro e dove poter effettuare colloqui di supporto psicologico. Al piano rialzato sono state realizzate due nuove camere per un totale di otto nuovi posti letto, uno studio per la caposala e una tisaneria.
Anche per l'acquisto degli arredi è stata fondamentale la raccolta di fondi da parte della Fondazione Uspidalet, la spesa è stata di circa sessantamila euro, che ha chiesto a medici e infermieri cosa fosse esattamente necessario per allestire spazi davvero a misura di pazienti e operatori. 
31/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale