Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

"Possibile prevenire il rischio esondazioni dei torrenti"

La Provincia di Alessandria partecipa al progetto Inarma, un piano d'intervento con fondi europei per gestire il rischio di inondazione dei bacini idrografici minori. Sabato un convegno per presentare i risultati del progetto con il meteorologo Luca Lombroso
Sabato 3 marzo ad Alessandria, nella sede dell’Associazione Cultura e Sviluppo in Piazza de Andrè 76, si terrà la Midterm Conference (Conferenza di Medio Termine) del progetto europeo Inarma. Il progetto, il cui acronimo sta per Integrated Approach to Flood Risk Management (approccio integrato alla gestione del rischio inondazioni) è finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale Europea Central Europe e vede la Provincia di Alessandria nel ruolo di capofila di un partenariato internazionale di elevato livello tecnico a cui aderiscono organismi pubblici e privati in rappresentanza di paesi quali Austria, Germania, Polonia e Ungheria.
"Il progetto è stato presentato nel marzo 2009 ed è stato approvato dal fondo Central Europe, uno dei fondi territoriali più importanti -spiega Franco Gavio, dirigente della Provincia e project manager Inarma- Il progetto è imperniato sullo sviluppo nell'arco di 3 anni, iniziato nel giugno 2010 terminerà nel novembre 2012. L'intervento del Central Europe è di circa 1 milione e 300 mila euro, suddivisa tra i partner. Alla Provincia di Alessandria è stata assegnata una quota di circa 300 mila euro"

Caratteristica principale e componente innovativa del progetto Inarma è l’attenzione dedicata alla prevenzione e alla gestione delle piene improvvise (flash floods) e al loro impatto sui bacini idrografici minori, spesso ignorati da simili iniziative e talora persino trascurati dagli impianti legislativi e normativi in materia di inondazioni che sono di regola tarati sui bacini fluviali principali. Fondamentale, in questo senso, è il contributo dei partner europei del progetto, che permette di declinare questa tematica attraverso i contesti idrografici e geomorfologici delle singole realtà locali.
"Il progetto si occupa dei corsi d'acqua subregionali che vanno a portare acqua ai grandi fiumi, che sono già controllati e monitorati. La nostra provincia - commenta l'assessore provinciale alla Protezione Civile Carlo Massa - ha molti torrenti e alcuni possono provocare gravi danni. Ne è un esempio recente lo Scrivia. Questo progetto è un fiore all'occhiello, riuscendo a coinvolgere anche la Protezione Civile di Alessandria".

Il professor Sandro Teruggi, docente dell'Università di Pavia, ha illustrato più nel dettaglio l'importanza del progetto Inarma e le sue caratteristiche. "Stiamo assistendo a due effetti in contemporanea che incideranno in futuri: la 'tropicalizzazione delle precipitazioni', ovvero grandi quantità d'acqua che cadono in un periodo limitato, e l'urbanizzazione di vaste aree, fenomeno che provochiamo noi, con la diminuzione delle superfici permeabili. Quindi c'è più acqua, si infiltra meno il terreno e abbiamo il fenomeno delle piene improvvise. Questo tipo di problema non è solo italiano ma comune a tutta l'Europa centrale, da qui i partner per questo lavoro. L'Unione Europea sta ponendo grande attenzione a questo problema sopratutto per i corsi d'acqua minori, intorno ai quali vie molta gente e dove le piene sono più rovinose in quanto c'è meno cultura storica che per i grandi fiumi. I corsi d'acqua minori oggi sono i più indifesi, non ci sono le risorse per metterli in sicurezza. Per far fronte a questa mancanza, il progetto mira alla prevenzione - prosegue il professor Terrugi - e qui è importante il ruolo della Protezione Civile. Per prevenire si deve poter avere una tempestività nelle segnalazioni e nelle visione dell'ondata di piena. L'obiettivo è di riuscire a creare una rete capillare di segnalazione sul territorio in grado di dare l'andamento idrico di un corso d'acqua. Capire dove arriva l'acqua, quando e come, è necessario per poterlo comunicare nella zona interessata e poter agire. Un'operazione complessa, che richiede molti dati ed è da realizzarsi alla luce dell'esperienza degli eventi passati". 

La Conferenza del 3 marzo, seguendo una consuetudine comune a vari progetti europei, intende tracciare un bilancio delle azioni svolte e dei risultati conseguiti nell’ambito di Inarma, ma anche divulgarne i contenuti in un’ottica di condivisione e coinvolgimento dei portatori di interesse locali. Per questa ragione – come rileva il Presidente della Provincia Paolo Filippi – grande lustro all’evento verrà dato dalla presenza di Luca Lombroso, uno dei massimi meteorologi e divulgatori scientifici italiani, e dalla relazione conclusiva a cura del Vicepresidente vicario del Parlamento Europeo Gianni Pittella, a suggellare la grande importanza politica e istituzionale della tematica trattata.

La Conferenza darà anche spazio ai contributi dei partner del progetto, che sono, oltre alla Provincia di Alessandria: la Direzione Gestione Idrica della Transdanubia Meridionale (Ungheria), la Società di Engineering Ambientale UWM (Germania), il Servizio Idrografico della Stiria (Austria) e il Distretto di Płock (Polonia). "Possiamo concludere – tiene a sottolineare il Presidente Filippi congiuntamente all’Assessore Provinciale alla Protezione Civile Carlo Massa – che il progetto Inarma rappresenta una nuova, importante conferma nella ricca storia di cooperazione internazionale ed europea della nostra Provincia in materia di tutela ambientale, e non solo".
29/02/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Virgo Fidelis
Virgo Fidelis
Chaves, il saluto sul crinale
Chaves, il saluto sul crinale
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Distilleria aperta
Distilleria aperta
Love date, amore e web
Love date, amore e web