Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Società

San Salvatore si candida a diventare Comune Virtuoso

Il dossier di candidatura è al vaglio della direzione nazionale. Fra i progetti l’asilo nido riqualificato con la progettazione partecipata, con impianto solare, fotovoltaico e una gestione innovativa
Dopo l’annuncio dei mesi scorsi, in questi giorni il Comune di San Salvatore Monferrato ha presentato la candidatura ai Comuni Virtuosi, l’associazione italiana nata nel 2005 che raggruppa i municipi che seguono buone pratiche amministrative in molteplici settori. "Ora restiamo in attesa del pronunciamento della direzione nazionale dell'associazione - afferma il sindaco Corrado Tagliabue - per noi significherebbe molto poter entrare nel gruppo di quelle realtà amministrative italiane che puntano al futuro, con uno sguardo positivo e uno stile amministrativo innovativo. Entrare nell'associazione sarebbe il suggello a questi anni d’impegno su tematiche come l'innovazione energetica, la progettazione partecipata, lo stop alla cementificazione e al consumo del territorio, la riduzione dei rifiuti e altri argomenti sui quali abbiamo lavorato con costanza e determinazione. Sarebbe inoltre una grande responsabilità perché chiediamo di entrare in questa associazione per restarci, impegnandoci a continuare su questa strada, difficile, ma premiante perché ha orizzonti ampi e tutti improntati a stili di vita che valorizzano il nostro territorio e il nostro Comune”.

In Provincia di Alessandria al momento vi è un solo comune nell’associazione: Mirabello Monferrato guidato da Luca Gioanola. L’obiettivo dell’associazione è diffondere l’esperienza dei comuni coinvolti e farne degli esempi a cui altre amministrazioni possono ispirarsi seguendo le linee d’azione principali: gestione del territorio, impronta ecologica, rifiuti, mobilità e promozione dei nuovi stili di vita. ll dossier predisposto dal Comune di San Salvatore contiene molti progetti realizzati dall’amministrazione del sindaco Tagliabue, alcuni dei quali intrapresi dal 2006 al 2011, nel corso del primo mandato, in particolare il lavoro di riqualificazione del parco Pineta, culminato con la ristrutturazione del vecchio padiglione della colonia elioterapica, oggi diventato un asilo nido d’eccellenza. “È uno dei progetti ai quali teniamo di più perché è nato dalla progettazione partecipata ed ha restituito alla comunità uno spazio-simbolo importante e perché riqualificandolo a nido abbiamo attivato un servizio per la prima infanzia che prima mancava, dotato delle migliori soluzioni energetiche, impianto solare e fotovoltaico, il simbolo del nostro impegno per le generazioni future” conclude il sindaco.

Venerdì 29 giugno una delegazione sansalvatorese con in testa il sindaco Corrado Tagliabue, una rappresentanza della giunta e del consiglio comunale, insieme ai presidenti delle associazioni locali, in primis pro loco Vivacittà e Associazione Commercianti, si recherà nel Comune gemellato di Agerola, sulla costiera amalfitana. Il motivo ufficiale è l’intitolazione di uno spazio cittadino a San Salvatore Monferrato, meta fin dagli anni ’50 della migrazione di molti campani alla ricerca di un lavoro. A San Salvatore oggi è presente la più grande comunità di agerolesi nel mondo, un gemellaggio che era già nei fatti e che Corrado Tagliabue e Luca Mascolo, sindaco di Agerola (nella foto) hanno ratificato a fine 2011 con una firma al protocollo seguita da festeggiamenti molto sentiti dalle rispettive comunità. Domenica 1° luglio è quindi prevista la cerimonia di intitolazione e dal Comune monferrino è prevista la partenza di un pullman e numerose auto alla volta del suggestivo comune campano, situato a ridosso della cittadina di Amalfi, affacciato su una delle coste più belle al mondo.

I rapporti fra sansalvatoresi e agerolesi hanno radici profonde: risalgono al secondo dopoguerra i primi campani che si insediarono a San Salvatore per trovare lavoro e qui contribuirono allo sviluppo economico e sociale della cittadina monferrina. Oggi, dopo oltre sessant’anni si può parlare di una perfetta integrazione sociale e la riprova è nei fatti. San Salvatore, chiamata la “seconda Agerola”, è il Comune che nel mondo ha ospitato il maggior numero di emigranti agerolesi (la seconda città è Martigny, nella Svizzera francese) ed è parso naturale e logico che le amministrazioni comunali dei rispettivi comuni rendessero ufficiale questo rapporto. Luca Mascolo, sindaco di Agerola, aveva guidato la delegazione già nell’agosto scorso a San Salvatore per gettare le basi del gemellaggio ratificato a fine 2011.
27/06/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!