Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Stefano Bellotti, addio al contadino-filosofo pioniere del vino naturale

Di lui dicono che sia morto nella sua vigna, facendo quello che più amava: curare la sua terra e raccoglierne i frutti. Stefano Bellotti, patron della Cascina degli Ulivi a Novi Ligure e pioniere della viticoltura biodinamica, si è spento a soli 59 anni
NOVI LIGURE – Di lui dicono che sia morto nella sua vigna, facendo quello che più amava: curare la sua terra e raccoglierne i frutti. Stefano Bellotti si è spento ieri sera a soli 59 anni, strappato alla vita da una lunga malattia che col tempo era riuscita a fiaccare anche uno spirito indomito come il suo. Per il mondo del vino si tratta di una perdita enorme: i messaggi di cordoglio per la sua morte sono scritti in italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, russo… A dimostrazione di quanto il suo impegno nell’agricoltura biologica e nella viticoltura biodinamica avevano lasciato il segno.

Diverso, ribelle, controcorrente: dagli anni Ottanta aveva convertito la sua Cascina degli Ulivi, sulle colline novesi, alla viticoltura biodinamica. Diventa referente italiano dell’associazione Renaissance des Appellations e nel 2004 era anche finito tra i protagonisti di un docufilm, “Resistenza naturale” di Jonathan Nossiter: Bellotti era l’emblema dei viticoltori che non si sono piegati alla standardizzazione e hanno uno stretto legame con la terra che coltivano. «Compagno di battaglia, cuore d’oro, filosofo, contadino illuminato, maestro, libero, sognatore, amico e fratello, angelo con le mani di terra»: è il necrologio che per lui ha scritto i colleghi di Triple A, il movimento Agricoltori Artigiani Artisti che il viticoltore novese aveva contribuito a fondare.

Cascina degli Ulivi è di proprietà della famiglia Bellotti dagli anni Trenta. Di origini genovesi, poi trapiantato ad Acqui Terme, Stefano ha solo 18 anni quando, nel 1977, si trasferisce a Novi e prende la cascina in gestione dal padre, medico, che la mandava avanti per passione e per rifuggire dalla città. Bellotti inizia a coltivare uva ma Cascina degli Ulivi va oltre il vino, il tipo di azienda che Stefano intende plasmare è differente e insieme al vigneto infatti convivono campi a seminativo, boschi, frutteti.

Diventa ben presto pioniere del vino naturale e non abbandonerà mai più questa filosofia esistenziale, prima ancora che aziendale. Un amico sui social ha pubblicato una foto di Stefano in sua memoria: in mano ha una vanga, le dita sono callose, graffiate, sporche di fango, il maglione è consunto e sfilacciato. Eccolo il ritratto più vero di Stefano: burbero, sincero e generoso. Come la sua terra.

Le foto in questa pagina sono di: Triple A, Dana B. Frank, Roman Pawar, Marcio Morelli.
15/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale