Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Eccellenza - girone B

Il Castellazzo cade ad Asti, Curino: "Ancora penalizzati, la quarta di fila"

"Ancora una volta siamo stati penalizzati, la quinta partita consecutiva. Dispiace avere perso, anche perch nel primo tempo non stata una partita di calcio" commenta il presidente dei biancoverdi
ASTI - 'Ancora una volta siamo stati penalizzati, è la quinta partita consecutiva. Dispiace avere perso, anche perchè nel primo tempo non è stata una partita di calcio'. E' durissimo Cosimo Curino nel commentare la sconfitta del Castellazzo, battuto 1-0 in casa dell'Alfieri Asti (gol partita di Di Savino in chiusura di prima frazione). 'Sino all'intervallo siamo stati intimiditi dagli avversari - commenta il presidente - che hanno giocato davvero durissimo, con il direttore di gara che a mio parere si è mostrato troppo permissivo. Nella ripresa la mia squadra è cresciuta molto, gli inserimenti di Dalessandro e Pellicani hanno cambiato le carte in tavola, purtroppo però senza riuscire a ottenere il pareggio'. Poche le occasioni nitide, anche se fa discutere un episodio capitato proprio nelle battute finali. 'Piana ha fatto una grande giocata - conclude Curino - ed è stato fermato fallosamente da un giocatore dell'Alfieri, palesemente all'interno dell'area di rigore. Purtroppo l'arbitro ha concesso solo punizione dal limite, prendendo un abbaglio evidente'. 

ALFIERI ASTI - CASTELLAZZO 1-0
Rete: pt 40' Di Savino   

Alfieri Asti: Brustolin, Ciletta, Di Savino, Lanfranco, Todaro, Feraru, Di Benedetto, Thiao, Lewandoski, Fioriello. All.: Montanarelli   
Castellazzo: Rosti, Cascio, Mocerino (30' st Benabid), Labano, Spriano, Camussi, Cimino (25' st Dalessandro), El Berd, Oberti, Amendola (20' st Pellicani), Piana. All.: Adamo   

Arbitro: Chieppa di Biella (Cusumano e Currelli) 

Note: ammoniti Cascio, Mocerino e Labano
11/03/2019
Paolo Livraghi - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus