Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket

Junior, il derby della speranza

Anticipo di campionato per la Novipiù, che domani pomeriggio sfiderà Biella al Lauretana Forum. In caso di sconfitta e contemporanea vittoria di Teramo sarà matematica retrocessione
Il derby della speranza, la sfida per rimanere aggrappati al sogno Serie A, per rilanciarsi in una corsa drammatica ma ancora matematicamente possibile. Sono queste le premesse con le quali la Junior di coach Valentini si presenterà al Lauretana Forum di Biella, ospite di una Angelico che ha tutte le intenzioni di vendicare il risultato dell'andata, quel 77-70 che da quelle parti fa ancora male, dato che si trattava del primo derby piemontese in Serie A della storia. Ed è proprio questo l'amuleto che la Novipiù terrà nel proprio taschino, il fatto di essere già una volta riusciti nell'impresa: fu un giorno magico, quello del derby, probabilmente il più bello di tutta la stagione. Coleman, Pullen e compagni soggiogati alle magie di uno (all'epoca) straripante Shakur e alla concretezza di uno dei migliori Stevic stagionali, nella bolgia del PalaFerraris. Tante cose sono cambiate da quel giorno: non c'è più Crespi, che con il derby raccolse la quarta di cinque vittorie personali, avverso l'unico exploit contro Avellino di Valentini; non c'è più la condizione superba dei pilastri fondamentali, alcuni perchè nel frattempo hanno patito momenti difficili (Janning, Nnamaka), altri perchè si sono un po' persi lungo la strada (Temple e Shakur); non c'è più l'entusiasmo del PalaFerraris, che a lungo andare ha un po' dimenticato da dove viene e cos'è sempre stato fino a 365 giorni fa, e che ha scelto di rimanere in silenzio, nella più logica e civile delle proteste dato che tutto ci si aspettava tranne il totale assenteismo della società ad uno dei principali eventi benefici dell'anno (la "Otto ore di basket", manifestazione a scopo di sensibilizzare il pubblico sul concetto di diversamente abile); non c'è più, infine, il sorriso della classifica, che tra domani e mercoledi prossimo potrebbe già in anticipo condannare alla LegaDue i rossoblu.

ULTIMA CHANCE JUNIOR - Si giocherà d'anticipo, alle 16.10, davanti alle telecamere di La7d, e quindi con migliaia di occhi puntati addosso. Il che dovrebbe essere uno stimolo ulteriore, anche perchè Valentini stesso inquadra il confronto come "l'ultima chance". E ha ragione: conti alla mano, una sconfitta nel derby a fronte del contestuale riposo di Teramo regalerebbe alla Banca Tercas un vantaggio di 8 punti, il che vorrebbe dire giocarsi il tutto per tutto mercoledi 25 aprile, al PalaFerraris contro Bologna. Insomma, in cinque giorni Pierich e compagni devono scongiurare per quanto possibile la retrocessione in LegaDue. Da vivere, eventualmente, non come una dramma, ma semplicemente come la fine di un'avventura, con la speranza di ripartire la prossima stagione esattamente da dove la Junior aveva finito un anno fa, da squadra e soprattutto società più attrezzata della serie cadetta. Ma queste sono valutazioni che patron Cerutti farà pubblicamente a regular season ufficialmente chiusa, il 7 maggio, quando potrà prima di tutto chiarire se intenderà compiere sforzi per mantenere ai vertici la sua Junior, oppure se ( e fino a che punto) intenderà mollare la presa.

GRUPPO OK, BIELLA CONTRO LA CRISI - Settimana di allenamenti ordinari per il gruppo, che non ha subito particolari ripercussioni dalla protesta inscenata domenica scorsa da Spartani e Casale Rossoblu. Il che può essere letto sia come un ulteriore segnale di indifferenza (le ripercussioni negative, semmai, possono averle avute gli organizzatori dell'evento benefico), sia come una dimostrazione di grande concentrazione in vista dei prossimi due decisivi incontri di campionato. Tutti i giocatori sono a disposizione di coach Valentini, che domenica scorsa ha tenuto fuori l'europeo Nnamaka e l'americano Temple e non è detto che la scelta venga replicata anche a Biella. L'Angelico, dal canto suo, vuole uscire dal tunnel imboccato un mesetto fa, ritrovando la vittoria dopo le ultime pesanti quattro sconfitte conseutive. Coach Cancellieri era domenica al PalaFerarris per studiare la Junior, e davanti ai suoi occhi avrà ancora la prestazione a due facce dei monferrini, pessimi fino a metà gara ma poi in grado di soggiogare una non esaltante Siena. Per avere la meglio sulla Novipiù, il coach si affiderà a Coleman, che viaggia a 18 punti e 3,3 palle recuperate (best in campionato) di media, Pullen e al "cervello" Soragna, uomini chiave dai quali passa la rinascita biellese. Una rinascita cui la Junior non vuole certo essere testimone. 

 
 

Il coach dell'Angelico Biella Francesco Viola parla della gara con Casale
 



Le immagini di repertorio sono di Enzo Conti
20/04/2012
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus