Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket - Serie A2

Coach Pansa saluta il Bertram: "A Tortona percorso splendido, ma i risultati sono impietosi"

Nella serata di ieri, luned 22, la societ ha comunicato l'esonero di Lorenzo Pansa, fatale la sconfitta con la Benacquista Latina
TORTONA - Lorenzo Pansa non è più il tecnico del Bertram Derthona. La società tortonese ha infatti annunciato ieri sera, lunedì 22,  l'esonero dall’incarico di capo allenatore della prima squadra.

“Voglio salutare e ringraziare Lorenzo - dichiara l'amministratore delegato Marco Picchi - per averci accompagnato in un percorso di crescita, di soddisfazione e di risultati sportivi che non saranno mai dimenticati e che rimarranno negli occhi di ognuno di noi, simbolicamente, ogni volta in cui rivedremo la splendida Coppa Italia vinta insieme a Jesi. La sua professionalità, la sua serietà e le sue qualità umane rimarranno patrimonio della mia persona e di tutta la società che oggi rappresento. La società desidera porgere a Lorenzo Pansa il più sincero augurio per un prosieguo di carriera ricco di soddisfazioni e ulteriori successi".

Così Lorenzo Pansa: ʺIl percorso della vita è un treno, con tutte le sue fermate. Sono salito alla stazione di Tortona poco più di un anno fa, e durante questo viaggio ho conosciuto persone cui va tutta la mia stima e il mio ringraziamento come Marco Picchi e tutti i membri del CdA, oltre ovviamente ad un uomo come Luigino Fassino che raramente si incontra nel quotidiano. Inutile ringraziare i miei collaboratori di oggi e di ieri, che hanno profuso il loro massimo impegno per me e per raggiungere insieme i successi ottenuti. Purtroppo i risultati di oggi sono impietosi, così come le circostanze e le attenuanti ma si sa... Il rischio del mestiere è assumersi tutte le responsabilità, anche quelle non proprie. Ma scendendo dal treno, lo faccio con la serenità di chi ha pensato giorno e notte al Derthona e alle splendide persone che lo compongono. Lo faccio con il piacere di aver conosciuto il mondo dei Leoni, e finché non ci sei dentro non sai cosa vuol dire. Lo faccio con l'affetto per i tifosi che ci hanno sempre sostenuto, in primis i ragazzi dell'Area Bianconera. Lo faccio con l'orgoglio di aver lasciato qualcosa che né il tempo né le circostanze potranno mai cancellare: quella Coppa e quelle lacrime di gioia che rimarranno sempre impresse nella memoria e sui muri del PalaCamagna. Adesso è ora di scendere dal treno, salutando tutti con un arrivederci alla prossima stazioneʺ.
23/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà